SEI IN > VIVERE LIGURIA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

“Brucia tutto, pure questo muro”: a Genova vandalizzato il Muro delle Bambole contro la violenza sulle donne

2' di lettura
100

GENOVA - Muro delle bambole sul palazzo della Regione Liguria vandalizzato ieri sera nel corso della manifestazione di "Non una di meno".

Lo denuncia l'assessore alle Pari opportunità, Simona Ferro. "Voglio condannare fermamente quanto accaduto ieri sera quando, nel corso di una manifestazione di un movimento femminista e transfemminista, è stato danneggiato e imbrattato il muro delle bambole sul palazzo della Regione Liguria". Per l'esponente della giunta Toti, si tratta di "un comportamento profondamente divisivo che lascia senza parole, non solo perché costituisce una profonda mancanza di rispetto verso un bene comune, ma anche perché chi l'ha compiuto ha messo in atto una violenza nei confronti delle donne che quel muro l'hanno realizzato per sensibilizzare sul tema della violenza di genere". Nei giorni scorsi erano state sollevate polemiche per un'altra iniziativa della Regione Liguria che, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, offrirà la possibilità di testare gratuitamente corsi di autodifesa, in piazza De Ferrari, a Genova. "Sono giorni molto complessi e difficili, segnati dal dolore per il tragico femminicidio di Giulia, a pochi giorni dalla Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne: un momento in cui noi donne dovremmo essere unite, così come peraltro ha fatto il mondo della politica italiana", aggiunge Ferro.

"E, invece, apprendo con stupore e sconforto che c'è chi sceglie di commettere atti vandalici come quello di ieri sera all'installazione di Wall Of Dolls, da tempo in prima linea per l'eliminazione della violenza di genere- prosegue l'assessore- una battaglia sacra e inviolabile, qualunque sia la forma che si sceglie per perseguirla: ogni iniziativa è valida, nella misura in cui è finalizzata a contrastare la mattanza cui assistiamo ogni giorno". L'esponente di Fratelli d'Italia dice di trovare "profondamente sbagliato rispondere all'aggressione maschile con altre forme di violenza, per di più a danno di chi porta avanti gli stessi ideali e obiettivi. Il gesto compiuto ieri sera ferisce le famiglie che hanno scelto di ricordare su quel muro una figlia, una madre, una sorella vittima di violenza. Alle donne liguri chiedo, ancora una volta, di restare unite dall'unica parte possibile in questa battaglia: dalla parte delle donne".



Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 23-11-2023 alle 18:03 sul giornale del 24 novembre 2023 - 100 letture






qrcode