Caro affitti, tenda anche a Genova: “Qui è emergenza studentati”

1' di lettura 16/05/2023 - GENOVA - Una tenda montata nella centralissima piazza De Ferrari, a pochi passi dalla fontana e sotto la sede di Regione Liguria, per attirare l’attenzione anche a Genova sull’emergenza abitativa per gli studenti universitari.

Il tema, nel capoluogo ligure, non è tanto quello del caro-affitti, più tipico di altre città universitarie, ma quello della carenza vera e propria di alloggi e, soprattutto, di posti negli studentati. "La situazione a Genova è tragica perché ci sono 32.000 studenti di cui 3.400 da fuori Italia e ci sono solo mille posti in studentati. Gli studentati sono fondamentali, ma qui ci sono pochi posti e le condizioni spesso sono degradanti. Anche la condizione delle mense è grave. Gli investimenti sono pochi. Speriamo di essere ascoltati e che le risposte arrivino il prima possibile, per non essere più costretti a mettere una tenda in piazza". Il presidio con tanto di tenda, per ora, è solo simbolico ed è limitato alla manifestazione di oggi. "La mobilitazione di 'Cambiare rotta' è presente oggi in tutta Italia davanti alle Regioni- racconta Leonardo Ambrosio, portavoce genovese del movimento- vogliamo un tavolo permanente tra studenti, ministero e Regioni, chiediamo più studentati pubblici e che siano in condizioni più dignitose. Proponiamo di riconvertire le case private sfitte in alloggi per studenti. Infine, chiediamo la reintroduzione dell'equo canone perché è ingiusto che i proprietari degli appartamenti, nelle zone vicino ai poli universitari, possano permettersi di far pagare una camera 400, 500 o anche 800 euro in altre città, agli studenti. Questa battaglia non riguarda solo noi, ma più in generale il diritto all'abitare".





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 16-05-2023 alle 16:48 sul giornale del 17 maggio 2023 - 20 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d9c7





logoEV
qrcode